Loading...
ALTrA visitAzione 2017-12-11T17:44:38+00:00

ALTrA visitAzione

ALTrA visitAzione è un progetto in quattro tempi che coinvolge circa 80 bambini di alcune scuole primarie di Schio.
I bambini sono prima spettatori, narratori, poi esploratori e ricercatori e infine guide pronte a far scoprire la Fabbrica Alta al resto della cittadinanza, che sarà spinta ad interrogarsi su di essa, sul suo futuro.
Le scuole coinvolte sono: Scuola primaria G. Marconi, Scuola primaria G.P. Cipani (Poleo) e Scuola paritaria Maddalena di Canossa. Il progetto ha la caratteristica di essere sempre agito “in pubblico”. I racconti, coinvolgendo classi scolastiche, prevedono la partecipazione di adulti insegnanti e in maniera indiretta coinvolgono anche le famiglie. Il progetto è a cura di Rosanna Sfragara in collaborazione con Cristina Palumbo e Alessandro Martinello; progetto Bottega d’Arte Tam Teatromusica.

TEMPO PRIMO
Il Racconto PAROLE E SASSI per le scuole di Schio
Periodo: maggio
Luogo: Scuole e Fabbrica Alta

La Tragedia Greca raccontata ai Bambini.

Dal 2012 diciannove attrici, ognuna nella propria regione e solo con un piccolo patrimonio di sassi, raccontano l’Antigone di Sofocle ai Bambini di 8, 9 e 10 anni, Egregi Uditori riuniti in quelle piccole polis che sono le classi delle scuole d’Italia e che, a loro volta, racconteranno poi ad altri. Un progetto femminile di teatro e d’impegno civile, in cui Adulti e Bambini fanno esperienza insieme di quella democrazia greca che ci scorre nelle vene per allenarsi, attraverso le parole di Sofocle vecchie di 2500 anni, a pensare ed immaginare il futuro.
Con PAROLE E SASSI i ragazzi fanno esperienza di un Patto: il ri-racconto delle storie importanti che vanno tramandate “per il sapere dei nuovi”; fanno esperienza di come le storie del passato pongano domande sul presente e aiutino a immaginare e scegliere il futuro; conoscono la storia di Antigone, tragedia che Simon Weil aveva riscritto per gli operai, alla luce della sua esperienza di lavoro in fabbrica, nel tentativo, attraverso i capolavori della grande cultura e la poesia, di “rimuovere con l’ignoranza uno dei grandi ostacoli alla realizzazione di una organizzazione più umana della fabbrica” (G. Gaeta); la ascoltano negli spazi di quella fabbrica che Alessandro Rossi ha pensato all’interno della sua straordinaria visione di polis in cui mondo del lavoro, società e cultura si legano indissolubilmente, e in cui loro entrano per la prima volta. L’équipe del progetto è invitata, suddivisa in piccoli gruppi, ad assistere al Racconto insieme ai Bambini. I racconti saranno anche l’occasione per scegliere la classe con cui continuare il percorso.

TEMPO SECONDO
Laboratorio per Fabbrica Alta – esplorazioni, ricerche, incontri, immaginazioni –
Periodo: da maggio ad ottobre
Luogo: Fabbrica Alta, scuola, luoghi significativi della città

L’attrice invita una classe a tenere fede al PATTO assumendosi l’impegno di conoscere per poi ri-raccontare un’altra storia importante, vera e ancora più vicina, la storia di Fabbrica Alta.
I bambini, guidati dagli artisti, saranno protagonisti di esplorazioni fisiche e artistiche, ricerche e studio dei documenti, incontri con testimoni e persone significative della comunità, in un processo di scoperta, empatia e relazione con il luogo.
“Fare memoria” del luogo e della sua storia raccogliendo e rielaborando parole, oggetti, materiali visivi e sonori, per cercare, con fantasia, delle forme con cui il passato trova posto nel presente e per interrogarsi sui futuri possibili.

TEMPO TERZO e QUARTO
Creazione di una Visit-Azione un’installazione “a memoria”
Periodo: 18 e 19 novembre
Luogo: Fabbrica Alta

Alla luce di quanto indagato, raccolto e prodotto insieme, artisti e ragazzi creano una speciale visita di Fabbrica Alta attraverso la quale guidare piccoli gruppi di cittadini per volta a scoprire il luogo e ad interrogarsi su di esso, sollecitando sguardi nuovi, visioni inattese che contrastano con il conforme e con gli stereotipi.
Le visite saranno poi proposte a 6 gruppi individuati durante il percorso laboratoriale in coerenza con le esperienze fatte; la visit-Azione diviene una piccola opera che potrà anche essere ripetuta in futuro.
Tracce del percorso di ricerca compiuto dagli artisti insieme ai bambini saranno composte infine in un’installazione artistica autonoma.

[…] tutti i linguaggi che già convivono nella mente e nelle attività del bambino
hanno il potere di divenire forze generatrici di altri linguaggi, altre azioni, altre logiche, altre
potenzialità creative.

Loris Malaguzzi

TAM Teatromusica

Tam Teatromusica, fondata nel 1980 da Michele Sambin, Pierangela Allegro e Laurent Dupont, è una compagnia di produzione e progetto e si esprime nell’area della ricerca e sperimentazione teatrale.
Nell’incrocio e sinergia dei linguaggi espressivi, dalla musica alla performatività dall’installazione al video, delinea un percorso poetico che si concretizza in produzioni teatrali rivolte sia all’area dell’infanzia che del teatro per adulti.